Il Coronavirus ha avuto un impatto notevole sulle attività, infatti ha costretto molte di esse a chiudere, causando notevoli perdite economiche per i commercianti. Tuttavia c'è un mercato che ha tratto beneficio da questa spiacevole situazione, ovvero quello online. Attraverso questo articolo analizzeremo nel dettaglio questo argomento, focalizzando l'attenzione sui siti e social network che hanno ottenuto la maggiore crescita e in particolare quelli che risultano essere maggiormente visitati in rete.

I dati presi in questo articoli sono stati rilevati attraverso un sito Trust Insight, una piattaforma di monitoraggio dei social network collegati alle rete primarie. In particolare sono state analizzate le conversazioni degli utenti negli ultimi tre mesi, con precisione dal 28 febbraio al 29 aprile 2020. Questa ricerca ha fatto emergere i social network più nominati, consentendo di raggiungere l'obiettivo di trovare i termini comuni.

Volendo sintetizzare, si può affermare come questo lavoro abbia avuto lo scopo di rilevare quei servizi che hanno ottenuto il maggior numero di ricerche medie giornaliere.  Questo è stato fatto esaminando il numero di ricerche giornaliere medie relative alla creazione e configurazioni di nuovi account nell'elenco di 86 siti di social network, nel periodo che ha preceduto e che ha seguito la pandemia.

Dai dati emerge che una delle piattaforme che ha ottenuto un maggiore successo è stata Zoom, con aumento notevole del volume di ricerca, in particolare del 2.695% rispetto al pre pandemia. Sul secondo gradino di questa classifica si posiziona il videogioco social Animal Crossing che ha avuto un aumento del 2.587% nello stesso periodo considerato.
Altri grandi successi della rete in questo contesto di pandemia sono Skype, Twitch, Nextdoor con risultati altrettanto rispettabili.

A differenza di quanto molti possono pensare, Facebook non è presente nella classifica dei top, questo dato può trovare giustificazione nel fatto che molto probabilmente questo social network ha già raggiunto il livello di saturazione totale del pubblico, infatti conta più di 3 miliardi di utenti in tutto il mondo, un numero spaventoso che difficilmente potrà crescere a ritmi elevati come faceva un tempo.

Dalle ricerche emergono dei dati rilevanti, infatti nella barra del browser ciò a cui le persone sono maggiormente interessata risulta essere la creazione dell'account sui social network. Oltre questo, altro aspetto che ha catturato l'attenzione degli utenti è la modalità di utilizzo di queste piattaforme digitali. Rispetto al periodo precedente la pandemia, ovvero inizio Marzo, c'è stato un aumento del 27% circa di queste ricerche in rete, passando da 85 milioni a 109 milioni di ricerche. Questo risultato può trovare giustificazione nel maggior tempo che le persone trascorrono sui social network.

Youtube gioca un ruolo chiave in questo periodo di pandemia e all'inizio di questa situazione anche Facebook aveva una posizione rilevante, tuttavia come già accennato questo social network ha perso popolarità in questo contesto. Una sorpresa, ma forse non per tutti, è quella di Pornhub che si posiziona al terzo posto della classifica dei siti più cliccati.

Altri siti e social che hanno avuto risultati molto positivi sono Pinterest, Instagram e Twitter, tendenza opposta per Linkedin che ha subito un notevole calo, mentre altri siti come Reddit non hanno riscontrato cambiamenti.

E' facile intuire che i siti più ricercati sono anche quelli che hanno ottenuto un guadagno maggiore.

Volendo riportare i dati dell'utilizzo medio giornaliero da parte degli utenti si evincono delle percentuali piuttosto spaventose. Animal Crossing registra un aumento del 2.200% rispetto alla media giornaliera nel periodo precedente alla pandemia. Zoom invece registra un aumento del 1.440 %, questo ovviamente dipende dal fatto che molte riunioni e attività scolastiche si sono svolte online e sono proprio piattaforme come questa che ne hanno tratto i vantaggi più rilevanti. Per lo stesso motivo anche Skype e altri programmi dello stesso genere.

Risultato interessante lo ha ottenuto anche Tik Tok, il cui successo vero e proprio però si era gi avuto mesi prima della quarantena. Tuttavia si conferma come una delle applicazioni più utilizzate che intrattiene per lo più i giovani che si divertono a vedere e a fare dei video, che poi pubblicano sui loro profilo social.

Volendo analizzare i risultati in termini di categorie, possiamo dire che quelle che sono state maggiormente ricercate sono relative ai giochi, ai video e anche ad attività domestiche.

La pandemia ha cambiato i gusti, in termini di ricerca sul web, delle persone, che hanno mostrato interesse per siti web che prima non consideravano molto.

Molte aziende tecnologiche hanno tratto beneficio, altre in maniera minore ma pur sempre con risultati positivi. In un momento difficile come quello che il pianeta sta vivendo, che ha visto molte attività costrette a chiudere e molte persone perdere il posto di lavoro, internet e in particolare i socail network si discostano notevolmente da questo trend, mostrando un settore in cui gli effetti del Coronavirus non sono stati avvertiti, o meglio hanno avuto un impatto positivo.

Qui potete richiedere la vostra copia gratutita, del report ricca di grafici e ulteriori dettagli: Social Media Audience Trends During The Pandemic