Nonostante la sua veneranda età, il blog è ancora uno degli strumenti di comunicazione più efficaci sul web. Dai primi esperimenti a oggi, il blog ha acquisito uno status molto differente dai primi, ingenui tentativi, risalenti all’incirca a un ventennio fa: questo strumento così apprezzato dalle persone è oggi un ottimo volano per la crescita in termini di comunicazione e di vendita di molti professionisti e aziende, piccole, medie e grandi. 

In questo articolo parliamo di una particolare forma di blog: il vlog, contrazione delle parole video e log (o, se preferite, video e blog). Detto in parole povere, il vlog è un blog in forma di video, in cui i video prendono il posto delle parole. I vlog sono utilizzati da professionisti, influencer e altre figure, per esempio alcuni giocatori di poker tengono alcuni vlog molto divertenti, mentre alcuni videogiocatori professionisti (perché anche quella del videogiocatore è diventata una professione) trasmettono le proprie sessioni di gioco per i follower. 

Se il vlog è una variante del blog in forma di video, il vlogger è un blogger che, invece delle parole, usa i video per trasmettere il proprio messaggio. Ma perché aprire un vlog? E come farlo?

I motivi possono essere diversi. Un vlog aiuta a farsi conoscere, ad accrescere la propria autorevolezza, a crearsi un seguito da professionista: insomma, gli stessi obiettivi di un blogger, ma in una forma differente. La forza del vlog sta nella natura stessa del format, il video: non è certo una novità che il video abbia una forza comunicativa, soprattutto su social come Facebook, Instagram, YouTube e Tik Tok, senza pari. 

Tuttavia, per creare un vlog efficace e professionale, non basta cominciare a registrare. Così come tutte le azioni di marketing e comunicazione, serve una strategia chiara e precisa. Cosa voglio comunicare? Come voglio comunicare e a chi? Su quali piattaforme e per raggiungere quali obiettivi? Queste sono le domande essenziali prima di lanciarsi nel mondo del vlog, sempre che si vogliano fare le cose per bene. 
Una strategia è essenziale: il rischio, altrimenti, è di disperdersi nel mare magnum del web e non raccogliere i frutti del lavoro. 

Prima di lanciarsi a creare un vlog, dunque, vanno studiati il settore di riferimento, il target – ossia le persone a cui vogliamo parlare -, e i competitor (per fare meglio, non per copiare) e le loro strategie; vanno stabiliti gli obiettivi e le piattaforme su cui creare il proprio vlog (non tutte sono uguali e sovrapponibili). Una volta fatti questi passaggi, vanno creati piano e calendario editoriali, con la scelta degli argomenti da trattare e la calendarizzazione dei video. 

Messa su carta la strategia, è necessario dotarsi dei mezzi tecnici necessari a registrare il video: una buona videocamera – o un buon smartphone – e il microfono per cominciare, senza trascurare l’illuminazione e lo sfondo del proprio video (non certo un aspetto secondario). Accanto ai mezzi tecnici, sono indispensabili le conoscenze tecniche: registrare ed editare un video, anche con strumenti gratuiti, esige un impegno minimo per acquisire almeno le basi. 

Solo dopo aver portato a termine questi passaggi, si può cominciare: i settori più indicati per avviare un vlog sono i settori food, beauty, tech, marketing, fitness e videogame, ma non ci sono limiti di sorta. La cosa più importante è avere una strategia ben fatta, un messaggio e una voce unica (tono di voce e personalità sono fondamentali) e discrete conoscenze tecniche. 

Infine: blog e vlog possono convivere? Certo. In una strategia di content marketing, gli strumenti possono essere tanti: l’importante è mantenere una personalità e un’identità precise, obiettivi e target comuni. La differenza è che se un blog professionale ha bisogno di un hosting di qualità e un dominio proprietario, un vlog è meglio che si appoggi a una piattaforma esterna: i siti con poco contenuto testuali e troppi video vengono penalizzati dal punto di vista Seo (ma ben vengano le commistioni!). 

Dunque, abbiamo visto cos’è e come dovrebbe funzionare un vlog. Ora sai da cosa partire per raggiungere i tuoi obiettivi!